Skip to content
Dinosauri .ORG

Dimorphodon

Nome: DimorphodonDiet: PiscívoraPeso: 2 chilogrammiPeriodo: Giurassico inferioreFound in: Inghilterra

Il genere Dimorphodon comprende una serie di rettili aerei noti come pterosauri , quindi non sono dinosauri, vissuti sulla Terra circa 200 milioni di anni fa, nel primo giurassico.

Il significato della parola Dimorphodon che dà nome al gruppo è “denti di due forme” in quanto ha due gruppi di denti.

Questa caratteristica è molto rara negli pterosauri e nei rettili in generale, poiché hanno tutti gli stessi denti. Questo nome fu dato da Richard Owen nel 1859.

Sono state trovate due specie, una americana D.wientrabu, e una europea nel sud della Gran Bretagna D.macronyx, di cui l’inglese rimane il primo a essere trovato.

Vuoi saperne di più su questo intrigante rettile aereo giurassico? Quindi non dimenticate di leggere questo articolo dove vi mostriamo un’ampia e dettagliata informazione sul Dimorphodon .

.

Tassonomia di Dimorphodon

ReinoFiloClasseOrdineSottoordineFamigliaGenderAnimaliaChordataSauropsidaPterosauriaRhamphorhyrichoideaDimorphodontidaeDimorphodon

  • Il Regno di questo esemplare è quello di Animalia.
  • Il bordo di questo esemplare è quello di Chordata.
  • La classe a cui appartiene è quella di Sauropsida.
  • L’ordine a cui appartiene è Pterosauria.
  • Il sottordine di questo animale è Rhamphorhynchoidea.
  • La famiglia dell’animale è Dimorphodontidae.
  • Il genere a cui ci riferiamo in questo articolo è Dimorphodon.

Per il momento, due specie appartenenti a questo genere sono state adeguatamente studiate, come accennato nell’introduzione. Tuttavia, la scoperta di nuovi resti fossili potrebbe cambiare questo fatto .

Da questa piattaforma faremo tutto il possibile per mantenere queste informazioni aggiornate in caso di eventuali cambiamenti nella tassonomia di questo esemplare.

Gli pterosauri

Questo ordine è anche conosciuto informalmente come “lucertola o rettile alato”, che in realtà è il significato della parola “pterosaurus”.

.

Gli pterosauri sono un gruppo di esemplari che avevano la capacità di effettuare voli estesi , posti all’interno del gruppo di esemplari identificati come saurópsidos e all’interno di un altro clado noto come arcosaurios.

.

Hanno abitato il nostro pianeta più di 66 milioni di anni fa , questo è lo stesso come dire che hanno vissuto durante l’era famosa conosciuta come Mesozoico, la cosa incredibile di questo grande clade è che questi sono i primi animali che hanno avuto una colonna vertebrale e potrebbe volare senza alcun problema.

Un’abilità che all’epoca era molto apprezzata, in quanto implicava l’essere fuori dalla portata dei più feroci predatori che si trovavano a livello del suolo in attesa di qualche preda o di qualche vittima da divorare.

Le strutture che d’ora in poi chiameremo ali, con cui ha contato questo rettile, sono state composte o dotate di una membrana di alta complessità , che ha iniziato o è stato sostenuto da uno degli elementi della struttura della mano.

Questo equivale a dire che questa membrana è nata da una delle dita e poi distribuita in tutta l’estremità, va notato che il dito da cui è nata questa struttura era totalmente ipertrofico, un dato che dobbiamo prendere in considerazione.

información-dimorphodon

Inoltre, la parte rimanente del corpo di questi esemplari era quasi completamente coperta da un materiale che era simile ai capelli , i cui resti sono stati trovati in diversi luoghi e in più di due specie diverse, ma che sembra essere una struttura in piuma di protoplume .

Oltre a questo, i resti fossili che sono stati trovati dei popolari pterosauri non sono scarsi, ne abbiamo molti, possiamo dire che ci sono anche centinaia di elementi che sono stati trovati in tutti i continenti del nostro pianeta.

Va anche sottolineato che i famosi pterosauri non sono realmente dinosauri, si può dire che sono rettili ma non si può dire che sono dinosauri, poiché non sono all’interno del famoso Superordine noto come Dinosaur.

.

Dobbiamo anche menzionare che a questi pterosauri mancava una postura eretta caratteristica dei membri di questo Superordine.

Lo stesso accade con altri animali come ittiosauri e non dimentichiamo i mosasaur, che non sono anche all’interno del Superorder dinosaur, quindi non sono in realtà dinosauri .

D’altra parte, è stato fatto un errore frequente, chiamando con il nome di pterodactylos gli pterosaurios, quando questo non è veramente il loro nome esatto, infatti gli pterodactylos sono in realtà i rettili che si trovano all’interno del genere Pterodactylus.

.

E’ per questo motivo che molti agenti di stampa commettono un grosso errore confondendo queste denominazioni ufficiali , che in seguito riesce solo a creare confusione tra il pubblico appassionato di paleontologia.

Scoperta e storia di Dimorphodon

In un paese europeo identificato come l’Inghilterra, dove un ricercatore noto come Mary Anning ha potuto trovare il luogo in cui si trovava il primo individuo appartenente a questo genere.

Questo primo esemplare è stato trovato in una delle specie menzionate, Dimorphodon macronyx, che ha avuto luogo due anni prima del 1830, in un luogo noto come Dorset.

Abbiamo dovuto aspettare fino al 1998 per descrivere la seconda specie conosciuta come Dimorphodon weintraubi

.

Caratteristiche di questo rettile aereo

La lunghezza di questa lucertola potrebbe essere più di 100 centimetri , mentre lo spessore dell’animale non potrebbe superare i 140 centimetri, se la misurazione è stata fatta dalla coda all’altra estremità del suo corpo.

Sul suo cranio possiamo indicare che si è rivelato di dimensioni considerevoli e aveva anche un volume maggiore, ma il peso era necessario ridurlo per facilitare il volo.

Per questo motivo presentava depressioni o fori all’interno della stessa struttura della testa, che davano all’animale una maggiore agilità e soprattutto gli sottraevano peso.

Caratteristiche di Dimorphodon

Su queste famose cavità, Richard Owen stesso ha fatto un comunicato che fa sapere al mondo scientifico quanto sia interessante questa qualità, e cioè che lui stesso era davvero stupito.

Lo stupore di questo grande paleontologo era dovuto al fatto che non esisteva un altro animale conosciuto, all’interno dei vertebrati, che aveva così poco volume considerando le dimensioni dei suoi elementi ossei.

In aggiunta a ciò, si è saputo che la massa cerebrale non era così grande come inizialmente creduto, mentre è anche venuto a trovare un certo numero di qualità primitive che altri antichi rettili presentati.

Sulla struttura del muso possiamo dire che era una regione con molta resistenza, ma era anche dotata di molta flessibilità, all’interno di questa struttura si poteva collocare una sorta di sacco conformato da membrane, nella zona inferiore dello stesso, che in seguito avrebbe dato luogo ad un becco.

La vita di Dimorphodon sul pianeta Terra

Non si sa molto di un ambiente o di un habitat specifico per questo rettile, perché è stato trovato in varie aree del mondo può solo dire che la lucertola ha preferito le aree intorno al mare rispetto alle aree che non lo erano.

al fine di sapere che tipo di cibo che questo animale stava prendendo è necessario ricorrere alla forma dei suoi denti e la consistenza di questi, questo è un lavoro che è stato già effettuato da diversi scienziati, che è giunto alla conclusione che la sua dieta era abbastanza simile a quella di altri esemplari collocati all’interno del pterosauri.

.

In altre parole, questo animale era incaricato di catturare i pesci con il becco, utilizzando la capacità di volare per trovarli, anche se non si poteva negare che l’animale avrebbe potuto nutrirsi anche di altri animali che erano sulla terraferma e che erano più piccoli.

img wp-image-11055″ src=”https://cdn5.dinosaurioss.com/wp-content/uploads/2016/11/Dimorphodon-1-1024×731.jpg” alt=” height=”493″ srcset=”https://cdn1.dinosaurioss.com/wp-content/uploads/2016/11/Dimorphodon-1.jpg 1024w, https://cdn3.dinosaurioss.com/wp-content/uploads/2016/11/Dimorphodon-1-300×214.jpg 300w, https://cdn5.dinosaurioss.com/wp-content/uploads/2016/11/Dimorphodon-1-768×548.jpg 768w” sizes=”(max-width: 691px) 100vw, 691px” />

Un altro dettaglio importante di questo esemplare è che probabilmente ha usato solo due delle sue estremità per potersi muovere quando erano a terra.

Questa è una differenza importante rispetto ad altri esemplari posti all’interno degli pterosauri, che hanno usato le loro quattro estremità, a causa del fatto che ci sono impronte fossili che ci danno questi dati.

Per finire questo articolo su questo rettile preistorico già conosciuto da tutti, vi lasciamo un interessante video sul Dimorphodon che vi aiuterà ad espandere le informazioni mostrate qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *