Skip to content
Dinosauri .ORG

Tutto sul Dinosauri Carnivori [vita Completa]

Il grande gruppo di dinosauri carnivori si trova nei teropodi, un gruppo di dinosauri saurischiani (con un’anca simile ad una lucertola) di locomozione bipede.

C’è una grande varietà di diete come spazzini, piscivori, predatori attivi…..

In questo grande gruppo compaiono gli antenati degli uccelli attuali, così hanno anche ereditato questa diversità nella dieta carnivora.

Dinosauri carnivori secondo l’epoca

Caratteristiche morfologiche

Tireremo fuori una serie di caratteristiche comuni che possiamo trovare nella grande maggioranza dei dinosauri carnivori, dai più noti come il Tyrannosaurus rex (uno dei più grandi di tutti i tempi) o gli Spinosaurs aegyptiacus, o alcuni meno noti (ma famosi nella comunità scientifica) come il Microraptor gui o Iberomesornis romerali.

Molte delle seguenti peculiarità di cui parleremo sono state ereditate dagli uccelli moderni.

Indipendentemente dalle dimensioni dei carnivori, avevano tutti i denti ricurvi all’indietro per permettere loro di afferrare e strappare la carne della preda. Molti di questi carnivori non solo avevano denti ricurvi, ma anche leggermente segati. Questa costituzione a forma di sega ha permesso loro di strappare ancora meglio la carne delle loro vittime.

Una particolarità che non sarebbe considerata letale sono i suoi occhi. Ciò che colpisce è una struttura di sostegno formata da ossa (anello sclerotico) che non è esclusiva dei dinosauri, ma compare anche nei rettili e negli uccelli.

Questa struttura, come è stato detto, ha la funzione principale di sostegno soprattutto per gli occhi che non sono interamente sferici o animali acquatici, ma nel caso dei dinosauri era un supporto per mantenere una posizione laterale delle orbite oculari, permettendo di osservare quasi tutto il loro ambiente, una visione periferica quasi globale.

Anche se i predatori dovevano averli sicuramente leggermente in avanti, dal momento che permetterebbe di misurare meglio le distanze.

A differenza degli uccelli, i dinosauri si crede di avere un grande senso dell’olfatto. Questo potrebbe essere uno dei possibili usi di quella cavità prima delle tombe oculari che appare in quasi tutti i dinosauri, riempito con un gran numero di sensori olfattivi in grado di rilevare gli odori chilometri intorno, essendo il Tyrannosaurus rex uno di quelli che si ritiene che l’odore migliore odore di possedere.

La grande maggioranza di questi teropodi aveva le piume. Non piume come gli uccelli di oggi, ma sottili protopiume simili alle piume dei pulcini appena nati.

Questo permetterebbe loro di attivare meglio e più velocemente il loro metabolismo, avere una migliore regolazione della temperatura corporea. In contrasto con questo miglioramento, hanno bisogno di una maggiore quantità di sostanze nutritive per essere in grado di integrare la spesa energetica supplementare.

Internamente, questo gruppo di dinosauri aveva un cranio grande, che permette di assumere un grande sistema nervoso centrale (cioè, un grande cervello). Avere un sistema nervoso più grande e sviluppato potrebbe consentire la cooperazione di gruppo, l’apprendimento e lo sviluppo di strategie diverse per la caccia e la specializzazione in un tipo di preda.

Lettura correlata: Scopri cosa hanno mangiato i dinosauri

Diete carnivore diverse: spazzini, cacciatori, piscivoro, onnivoro e insettivoro.

Gli spazzini si nutrivano di animali che non avevano ucciso, cioè di resti di caccia di altri o che sono morti per cause naturali. Normalmente gli spazzini sono opportunisti, in quanto il lavoro necessario per la caccia spreca energia preziosa, per cui se potevano rubare il cibo ottenuto dallo sforzo di un altro, lo facevano.

Questo metodo era tipico del Tyrannosaurus rex. Contrariamente a quanto si credeva in origine, il T.rex non era un grande cacciatore attivo, ma uno spazzino.

Come notato sopra, aveva un grande cranio con una grande macchina fotografica che gli permetteva di sentire l’odore di carogna a diversi chilometri di distanza. Le grandi dimensioni del T.rex permetteva di scacciare piccoli predatori come il Troodon e di conservare il corpo.

Normalmente gli spazzini sono animali di aspetto più robusto, che dà una maggiore freightage e paura, ma che implica una difficoltà nella caccia, poiché devono muoversi rapidamente un sacco di peso, e anche se era molto muscolare è più facile instillare la paura tra gli individui più piccoli e di beneficiare del sudore di questi.

I cacciatori di solito lavorano in gruppo, a coppie come Allosaurus o in gruppi più o meno numerosi come Deinonychus. Lavorare in gruppo ha permesso loro di attaccare le prede più grandi e ottenere così una grande quantità di cibo. In generale, la tattica di base sarebbe quella di attaccare il collo, una zona fortemente bagnata da vasi sanguigni e che danneggerebbe anche le vie respiratorie.

Normalmente i cacciatori erano più agili, indipendentemente dalle dimensioni, avevano zampe più fibrose e bagnate da vasi sanguigni per mantenere una velocità e attribuire una forza continua durante la caccia.

Alcuni di loro possedevano vere e proprie armi come grandi artigli sulle zampe anteriori o su quelle precedenti, come i dromeosauridos o rapaci, che avevano la caratteristica forma di falce per poter entrare facilmente nella carne chiudendola contro la vittima.

I piscivori si nutrivano di pesce, rappresentanti del Baryonyx sono stati trovati che presentano resti non solo di squame di pesce nel loro addome (dove avrebbero trovato il loro sistema digestivo), ma anche di Iguanodon e pteranodones, così si è pensato che avevano una dieta principale piscivora ma erano opportunistici. Tuttavia, potremmo indicare una serie di caratteristiche che possedevano questi piscívoros poiché appartengono alla Famiglia Spinosauridae.

All’interno della Famiglia Spinosauridae possiamo trovare specie molto simili, di cui sottolineiamo: Suchomimus, Baryonix e Spinosaurus.

Questa serie di dinosauri aveva un cranio che ricorda un coccodrillo più lungo, denti lunghi e ricurvi per catturare i pesci e impedirne la fuga, e un grosso artiglio più sviluppato che veniva utilizzato per la pesca. Inoltre, lo Spinosaurus presenta una candela dorsale che potrebbe non solo servire come regolazione termica ma anche come aiuto nel nuoto, diventando un temibile predatore sia nell’ambiente acquatico che in quello terrestre.

Baryonyx_walkeri_di_grande_oharu-d3jnu6a

C’erano anche onnivori, anche se in misura minore. Erano caratterizzati dal consumo sia di piante che di carne, e hanno una dentatura più sviluppata per poter ottenere entrambi i tipi di cibo.

Anche se all’inizio l’Oviraptor era indicato come onnivoro perché si trovava intorno ad un gruppo di uova, in seguito si è saputo che quello che stava realmente facendo era prendersi cura di quelle uova con cui è stato trovato. In seguito si è potuto dimostrare che l’Oviraptor ha mangiato uova, che gli ha permesso di mantenere il titolo di onnivoro.

Ha un cranio a forma di becco per rompere il guscio duro delle uova, ma una serie di denti che permettono di masticare pezzi molto duri o anche piante, che ci ha permesso di assumere questa dieta.

oviraptor tiene l’uovo

Gli insettivori erano piccoli rappresentanti. La grande maggioranza di loro aveva le piume, che hanno dato loro l’aspetto di un uccello moderno, ma avevano ancora diverse differenze rispetto agli uccelli attuali.

Avevano un corpo piccolo, con un muso lungo con denti piccoli, e un corpo agile e leggero che, a poco a poco, ha permesso loro di conquistare l’ambiente aereo. Uno dei rappresentanti più famosi è il sangue iberico, Iberomesornis, che ha contribuito a consolidare la teoria secondo cui gli uccelli provengono da dinosauri.

principale -qimg-c642549971ba0d5511b160974212bdab

Dinosauri carnivori velenosi

Una menzione speciale va fatta per il Sinornithosaurus. Questo piccolo dromeosaurido trovato in Cina, ha attraversato la Terra nel Cretaceo, e non è stato solo il quinto animale non aviario a presentare le piume, ma sono state trovate nel suo cranio una serie di cavità vicino ai denti simili a quelle presenti nei rettili come in “Heloderma suspectum” (mostro di Gila), che ha iniziato lo studio del possibile primo dinosauro velenoso.

Il Sinornithosaurus possiede una serie di fosse su alcuni denti superiori (denti della zona mediana – maxillari) dove potrebbero apparire le ghiandole del veleno. Alcune di queste mascelle hanno anche dei fori all’interno dei quali potrebbe scorrere il veleno di questo dromeosaurido.

sinornithosaurus

Recentemente si è discusso se il Sinornithosaurus potrebbe essere velenoso o meno, poiché nessuno dei denti ha un’apertura finale per l’uscita del veleno o un collegamento diretto con la zona che doveva contenere le ghiandole, anche se c’è un’apertura finale che potrebbe essere il condotto attraverso il quale il veleno scorreva. Questo ci costringe a differenziare le specie velenose, principalmente serpenti, in:

  • Opistoglifi. Denti velenosi si trovano nella parte posteriore. Queste specie non iniettano il veleno nella preda, ma il veleno viene introdotto insieme alla saliva attraverso le ferite.
  • Proteroglifici. I denti velenosi sono nella parte anteriore. Questi denti, insieme ad alcuni muscoli, permettono l’iniezione, essendo denti che possono essere raccolti nel palato. Questi denti hanno canali all’interno che non sono completamente chiusi, quindi il veleno passa in parte attraverso l’esterno del dente.
  • Solenoglifi. Simile ai proteroglifi, hanno anche denti che possono essere raccolti e iniettati con veleno, ma a differenza dei proteroglifi hanno un canale chiuso nei denti, sono denti più grandi, e i muscoli possono proiettare i denti fino a 170º per un morso migliore.

Sinornithosaurus

Altri ricercatori indicano che i denti del Sinornithosaurus non sono speciali, che molti denti di altri teropodi hanno canali simili ed è per degradazione, non per possibile veleno. Un altro gruppo pensa ancora alla capacità velenosa del Sinornithosaurus e studia le fosse nel cranio, dove si pensa che le ghiandole velenifere possano aver alloggiato.

Dinosauri carnivori e cannibalismo

Il cannibalismo è presente nelle specie attuali e resti di cannibalismo sono stati trovati anche in diversi fossili.

I casi di cannibalismo possono essere casuali, a causa della scarsa presenza e della scarsità di prede. Si tratta di un processo che avrebbe potuto avvenire dopo “La Grande Estinzione del Cretaceo”, tra i pochi dinosauri carnivori sopravvissuti di grandi dimensioni che hanno avuto bisogno di una grande quantità di prede per sopravvivere, cosa che ne ha accelerato l’estinzione.

Un altro caso di cannibalismo è un tipo di sopravvivenza crudele, che di solito viene eseguita dai maschi. Durante la stagione riproduttiva, può accadere che la femmina si riproduca con più maschi e che il maschio si riproduca con più femmine.

Quando un maschio si accoppia con una femmina che ha già deposto le uova di un altro maschio, il maschio può rompere quelle uova fecondate da un maschio precedente e nutrirsi di esse, essendo un metodo per preservare la sua prole rispetto a quella degli altri.

Tyrannosaurus-Rex

Il gruppo più studiato di dinosauri cannibali si trova nella famiglia Tyrannosauridea. Non solo sono stati trovati resti di cannibalismo nelle specie più note, Tyrannosaurus rex, ma anche in altri rappresentanti come Gorgosaurus o Daspletosaurus. I resti trovati sono ossa con solchi causati da una dentatura simile a quella del dinosauro stesso, cioè, è stato attaccato da un dinosauro della stessa specie.

All’inizio si pensava che quelle ferite prodotte da denti della stessa specie potessero essere dovute ad una lotta per la competizione sessuale, cioè per competere per l’accoppiamento di una femmina.

Due tipi di marchi sono stati trovati in un fossile di Daspletosaurus, alcuni dei quali cicatrici sono stati trovati nel cranio e altri che non hanno cicatrizzato sono stati trovati nell’omero, così i primi sono stati prodotti da una lotta tra due Daspletosaurus (da cui il nostro fossile è uscito vivo), mentre quelli che non hanno cicatrizzato sono stati quindi post-morten, che indica che è stato divorato da un altro Daspletosaurus.

00kxdetrcfyhu

Si noti che, poiché sono stati trovati più resti fossili della stessa famiglia o di altre specie diverse, la dieta e la visione dei dinosauri è cambiata. L’esempio chiaro è stato in tutto l’articolo il Tyrannosaurus rex, come è stato e continua ad essere un grande riferimento per lo studio.

T.rex è stato descritto per la prima volta come il più grande dinosauro, un cacciatore molto attivo e crudele, che abbandona la prole poco dopo la nascita.

Con la scoperta di più resti fossili e fossili più completi si è scoperto che la grande varietà di specie nella loro dieta era dovuta alle carogne, non ad un’alta attività di cacciatore; né è stato così crudele, hanno trovato coppie con la loro prole in un alto stato di sviluppo anche insieme.

E che non solo il famoso T.rex ma simili della stessa famiglia erano cannibali, quindi era una caratteristica ampiamente distribuita in tutta la famiglia che permetteva praticamente la sopravvivenza dei più feroci (a questo proposito).

Video di dinosauri carnivori

I dinosauri carnivori sono stati, sono stati, sono e saranno i grandi protagonisti di ogni storia sui dinosauri, quindi vi lasciamo questo video dove potrete saperne di più su di loro:


Infine, è possibile incontrare i dinosauri carnivori più popolari di cui abbiamo parlato sul blog: