Skip to content
Dinosauri .ORG

Mamenchisaurus

  • Nome: Mamenchisaurus
  • Dieta: Erbivoro
  • Peso: 20 – 35 tonnellate
  • Periodo: Giurassico
  • Trovato: Asia

Il Mamenchisaurus era un genere di dinosauri che si trovava sul nostro pianeta durante il periodo giurassico (circa 156 milioni di anni fa). Questo genere è classificato nel gruppo dei sauropod mamenquisaurid dinosauri .

Questo genere avrebbe avuto una dimensione veramente grande , che varia dai 16 ai 25 metri di lunghezza. Come è comune nei grandi dinosauri, si nutrì semplicemente di vegetazione, cioè era un dinosauro erbivoro.

Il Mamenchisaurush avrebbe avuto un collo molto simile a quello del Diplodocus, essendo un collo molto leggero . La lunghezza del suo collo era molto lunga ed è la ragione per cui è stato in grado di sopravvivere raggiungendo più vegetazione di altri piccoli dinosauri erbivori.

L’hai trovato interessante? Beh, c’è ancora di più, qui troverete le migliori informazioni sul Mamenchisaurus della rete. Continuate a leggere e scoprire tutto su questo erbivoro dinosauro giurassico!

Tassonomia di Mamenchisaurus

KingdomDivisionClassOrderSuborderInfraorderFamily Animalia Chordata Sauropodomorpha Saurischia Sauropodomorpha Sauropoda Mamenchisauridae.

  • L’animale appartiene al regno Animalia.
  • Questo dinosauro corrisponde al phylum Chordata.
  • La sua classe è Sauropsida.
  • L’esemplare appartiene al superordine Dinosaur.
  • Il suo ordine si chiama Saurischia.
  • Il Mamenchisaurus corrisponde al sottordine designato Sauropodomorpha.
  • Fa parte dell’infraordine Sauropoda, nel taxon indefinito Eusauropoda.
  • Si trova all’interno della famiglia chiamata Mamenchisauridae.
  • Infine, il suo genere è Mamenchisaurus.

Scoperta del Mamenchisaurus

Il suo nome ufficiale significa quanto segue: Mamenchi Reptile. Nel frattempo, si può dire che la lunghezza dell’animale avrebbe potuto raggiungere un totale di 25 metri, che non era di dimensioni minori.

Sebbene sia stato possibile osservare anche la presenza di altri esemplari dello stesso genere di dimensioni minori, poiché molti di essi avevano una lunghezza totale di 16 metri, è comunque uno dei rari esemplari delle lunghezze più lunghe che abbiamo mai avuto.

Ricostruzione di un Mamenchisaurus

Ciò che è interessante è che al momento della loro grande scoperta, sono state ottenute tracce che non hanno realmente completato l’intera struttura ossea dell’animale, tanto che un gruppo di scienziati è giunto alla conclusione che si trattava di una creatura di dimensioni più piccole, non sapeva a quel tempo che stavano cadendo in uno dei più grandi errori della loro carriera.

Lo sapevate che….. Dopo qualche anno si potevano fare altre importanti scoperte e finalmente le dimensioni dell’animale potevano essere più vicine alla realtà, non basandosi su semplici e semplici presupposti di ciò che avrebbe potuto essere, ma studiate nel dettaglio e venute ad analizzare ed interpretare tutte le tracce che questo esemplare aveva lasciato.

Una delle aree più importanti di questa creatura chiamata Mamenchisaurus era il collo, che poteva avere anche un totale di 19 elementi vertebrali, una vera immensità, d’altra parte, il suo peso poteva essere di circa 27 tonnellate.

Per quanto riguarda le loro gambe, in modo sommario, possiamo sostenere che le estremità della zona anteriore non hanno goduto delle dimensioni prolungate delle estremità situate nella zona posteriore .

La scoperta si è rivelata molto semplice, proprio nell’area adiacente ad un luogo dove si stavano effettuando una serie di costruzioni e riparazioni a quello che spesso viene chiamato “traghetto”, in un villaggio chiamato Sichuan, in Cina.

Tutto questo avvenne esattamente due anni dopo l’inizio degli anni ’50, precisamente a metà del secolo scorso, e le vestigia rinvenute all’interno di una formazione nota come Shangshaximiao, in cui era possibile localizzare solo una struttura ossea incompleta.

Questa struttura ossea è stata recensita da un famoso scienziato dello stesso paese, due anni dopo la scoperta, che ha anche dimostrato di essere rimasto davvero sorpreso dalle grandi dimensioni dell’esemplare , che a quel tempo era lungo più di 20 metri.

Poco dopo doveva avvenire un’altra importante scoperta, una nuova serie di vestigia si trovava nella formazione di Hantong.

Tuttavia, tutto è diventato più interessante dopo circa 20 anni, esattamente due anni dopo l’inizio degli anni ’70, quando nella stessa formazione di cui abbiamo parlato prima, cioè nello Shangshaximiao, sono stati in grado di localizzare un gruppo di vestigia non inferiore.

Che è venuto per appartenere a fino a quattro individui diversi, una scoperta così importante non era venuto per essere fatto in quel luogo, così è diventato il più importante notizie scientifiche di quel tempo.

Confronto con un altro animale

Una delle strutture di questi dinosauri aveva un collo che poteva misurare fino a 10 metri di lunghezza, mentre il suo peso era di circa 50 tonnellate, ma a quel tempo c’era anche un altro esemplare con un collo gigante.

Un altro esemplare che era stato scoperto in territorio americano, proprio in un territorio che oggi appartiene agli Stati Uniti d’America, il gigantesco Sauroposeidon, senza dimenticare di citarne un altro che in seguito sarebbe stato indicato come animale dal collo enorme, il temibile Supersaurus.

Mamenchisaurus

Lo sapevate che…..Entrambi gli animali menzionati avevano anche un collo di qualità allungato, il primo di essi che è stato menzionato aveva un collo di circa 12 metri, mentre il secondo era di 2 metri più lungo del precedente, così il dinosauro protagonista di questo articolo alla fine è stato superato in lunghezza, anche se a poco a poco.

Oltre a tutto questo, ci sono voluti altri vent’anni per cercare di localizzare un’altra serie di resti, proprio nel 1993 si sono ottenuti i resti di una nuova specie che appartiene a questo genere, ma questo nuovo animale si è rivelato essere molto più robusto, i cui elementi ossei avevano anche tali qualità, soprattutto nella zona delle costole, che erano molto più spesse.

Tre anni dopo la scoperta, è stato trovato un altro esemplare, una struttura che ha aiutato molto a conoscere maggiori dettagli e dati su questo misterioso esemplare.

Per quanto riguarda l’ambiente in cui questo animale ha sviluppato la sua feconda esistenza, possiamo tranquillamente dire che questo ambiente era abbastanza favorevole, poiché c’era una vegetazione profonda e abbondante , tra cui possiamo citare le famose foreste di sequoie, che erano piene di piante e foglie disposte a diventare il cibo dell’esemplare.

È anche noto che questo esemplare potrebbe essere arrivato a vivere in gruppi di medie dimensioni, molto simili a quello che vediamo oggi in animali come le pecore, che formano mandrie e seguono un comportamento comune, pecore che anche oggi sono dedicate al consumo di verdure a livello del suolo, quindi è superfluo dire che questo animale era un erbivoro .

Mangimi delMamenchisaurus

Sulla struttura dentale di Mamenchisaurus , si può osservare che questi elementi avevano una forma di mura, in altre parole, erano elementi progettati in modo quasi perfetto per svolgere la funzione di estrazione di foglie situate in alberi o arbusti , questa creatura non aveva bisogno di troppa forza per poter estrarre queste verdure, poiché i suoi denti ne facilitavano il lavoro.

Ci auguriamo che questo articolo su Mamenchisaurus. Diciamo addio lasciandovi una raccolta video di informazioni chiave e importanti di questo imponente dinosauro: