Skip to content
Dinosauri .ORG

Pachyrhinosaurus

Nome: PachyrhinosaurusDiet: Herbivorous Peso: 4.9 tonsPeriod: Upper CretaceousFound in: USA e Canada

Il Pachyrhinosaurus era un genere di dinosauri che abitavano la Terra durante il noto periodo cretaceo (circa 68 milioni di anni fa). Questo esemplare è classificato nel gruppo dei dinosauri ceratopsianos ceratópsidos .

Questo genere avrebbe avuto un aspetto davvero intimidatorio. Questo perché ha avuto una solida prominenza nella zona della struttura nasale . Inoltre, il suo corpo sembrava generalmente robusto e simile a quello di un rinoceronte moderno.

Il Pachyrhinosaurus aveva un enorme volano intorno alla testa. In aggiunta a ciò, aveva due piccole corna che sporgevano dal volante.

Vuoi saperne di più? Qui vi mostreremo tutte le informazioni da Pachyrhinosaurus che esiste. Non andate a scoprire tutto su questo dinosauro erbivoro del Cretaceo!

Tassonomia di Pachyrhinosaurus

KingdomDivisionClassOrderSuborderSuborderSubfamilyFamily Animalia Chordata Sauropsida Ornithischia Neornithischia Centrosaurinae Ceratopsidae Ceratopsidae Ceratopsidae.

  • Questo dinosauro appartiene al regno Animalia.
  • Corrispondente al bordo Chordata.
  • Della classe Sauropsida.
  • Appartenente al superordine Dinosauro .
  • L’esempio corrisponde all’ordine Ornithischia.
  • Questo appartiene al sottordine Neornithischia.
  • All’interno della famiglia Ceratopsidae.
  • Far parte della sottofamiglia Centrosaurinae.
  • Si ritiene che corrisponda alla tribù Pachyrhinosaurini.
  • Del genere Pachyrhinosaurus.

Storia del Pachyrhinosaurus

https://dinosauri.org/wp-content/uploads/2019/01/historia-pachyrhinosaurus.jpg

In quella che attualmente è la zona nord dell’America, questo animale ha sviluppato la sua vita ed è stato incaricato di combattere per la sua sopravvivenza fino all’ultimo dei suoi giorni, è noto che ha vissuto in questo luogo perché le vestigia che sono stati trovati si trovavano nella provincia di Alberta, questo evento è stato effettuato nel 1946, proprio nel bel mezzo della guerra mondiale, da Sternberg.

Entrato nel 1950, lo stesso prestigioso ricercatore, dopo anni di intense analisi e studi, si è occupato di dargli il nome ufficiale, ponendo questo nome a sottolineare la caratteristica principale di questo dinosauro.

Lo sapevate che si trattava di una dozzina di elementi ossei trovati in quell’occasione, così come di un gruppo di vestigia che sono stati trovati successivamente con il passare degli anni e delle ricerche.

La cosa curiosa è che gran parte di questi resti che avevano potuto essere collocati nel luogo, in realtà non erano in realtà alla portata del potere della scienza, per la stessa ragione nessun tipo di studio né progresso scientifico poteva essere realizzato sulla conoscenza di questo esemplare della preistoria.

Tutto cominciò a cambiare entrando nel decennio del 1980, quando si cominciò a rilasciare queste vestigia per lo studio pubblico, quindi, da quell’anno arrivò a fare una svolta sui principali dati e le qualità dell’esemplare.

Possiamo affermare chiaramente che questo esemplare aveva una lunghezza totale di circa 500 centimetri , mentre il suo peso era abbastanza proporzionale, quindi 4 o 5 tonnellate sembravano essere la cifra corretta da designare.

Si sa anche che si trattava di un esemplare che basava la sua dieta sul consumo di verdure, per cui aveva all’interno della sua struttura una fila dentale che gli permetteva di masticare tutti gli alimenti vegetali che potevano estrarre dall’ambiente in cui si sviluppava la sua esistenza selvaggia e complicata.

Senza dimenticare di menzionare in modo evidente che aveva strutture simili alle guance che abbiamo, per conservare il cibo mentre veniva lavorato dagli elementi dentali menzionati nelle righe precedenti.

Fin dall’inizio questo esemplare singolare era stato frequentemente collegato ad un altro esemplare identificato con il nome Achelousaurus, il che non era del tutto sbagliato.

Oltre a questo, sono stati trovati altri esemplari o strutture che sono stati studiati a beneficio della scienza. Queste vestigia si trovavano a Bearpaw e in una formazione identificata con il nome di Cañón Herradura (Horseshoe Canyon).

Inoltre, è stato recuperato un altro gruppo di resti di un territorio situato nello stato dell’Alaska, proprio in una zona che oggi è identificata come la formazione del Principe Creek. Tutti questi resti, si calcola, appartengono ad un periodo che risale a circa 70 milioni di anni fa.

Caratteristiche del Pachyrhinosaurus

Descrizione del Pachyrhinosaurus

Un dettaglio piuttosto curioso di questo singolare esemplare è che gli mancava una struttura che compare in altri esemplari, le famose corna dei ceratopsiani, invece di questa struttura, questo animale aveva un rilievo solido che poteva essere facilmente localizzato proprio nella zona dove si trovava la struttura nasale, questo rilievo era di forma piatta e di notevoli dimensioni in relazione alla dimensione totale del cranio, quindi si può dire con certezza che ha fatto una grande impressione quando lo si guardava.

Si presume in modo piuttosto riservato che la struttura ossea menzionata nel paragrafo precedente avrebbe potuto essere utilizzata per effettuare varie spinte verso il nemico, soprattutto se fosse nel mezzo di un combattimento sanguinoso in cui era possibile uccidere o morire solo se il combattimento riguardava esemplari della stessa specie o esemplari di famiglie diverse.

Lo sapevi?…..Oltre a questo, aveva due corna più piccole che potevano essere osservate solo in una zona chiamata dagli scienziati come “volanti”, corna che potevano raggiungere la cima dell’animale.

D’altra parte, la famosa gola o volano di questo esemplare aveva una forma particolare di questa specie, lo stesso è accaduto con le sue dimensioni, ed è anche noto che questa gola aveva la funzione di informare altri esemplari dell’età che l’animale possedeva, oltre che se era femmina o maschio o se apparteneva ad una gerarchia superiore all’interno della mandria.

Sul suo cranio possiamo dire che la dimensione di questo era abbastanza sorprendente, poiché se cominciamo a misurare e calcolare le dimensioni del campione, possiamo dedurre che il cranio occupava il 25% della lunghezza totale del corpo del campione, un dettaglio non secondario.

Dal falso corno che questo animale possedeva, il dibattito continua ancora oggi tra diversi gruppi di scienziati, mentre alcuni affermano la presenza di questo corno, altri si sono occupati di elaborare fondamenta per negare questa affermazione, motivo per cui possiamo solo citare posizioni in materia, ma non possiamo osare di dire qualcosa con totale certezza.

Questo dibattito che abbiamo appena citato è dovuto al fatto che non è stato ancora possibile individuare un elemento cranico completamente intatto, il che rende impossibile per gli sforzi della scienza conoscere la vera natura di questo misterioso esemplare che finora non è stato in grado di essere completamente svelato.

Si ritiene inoltre che fosse un animale che si prendeva cura gelosamente dei propri figli, che non avrebbe permesso loro di camminare da soli sul territorio fino a che non avessero sufficiente forza e intelligenza per difendersi da qualsiasi minaccia, una di quelle risorse di difesa era l’assalto, che possiamo immaginare molto simili a quelle degli animali che oggi identifichiamo sotto il nome di rinoceronti.

Vi lasciamo con un video sul Pachyrhinosaurus :