Skip to content
Dinosauri .ORG

Parasaurolophus

  • Nome: Parasaurolophus
  • Dieta: Erbivoro
  • Peso: 3 tonnellate
  • Periodo: Cretaceo
  • Trovato: Canada e Stati Uniti

Il Parasaurolophus era il più particolare genere di dinosauro che abitava il nostro pianeta durante il Cretaceo superiore (circa 83 milioni di anni fa). Questo è un esemplare che appartiene al gruppo di ornitopodi dinosauri ornitopodi hadrosáuridos .

Questo genere avrebbe avuto un aspetto davvero stravagante in quanto avrebbe avuto due lunghe zampe posteriori con le quali è fuggito dai suoi predatori e le zampe anteriori erano molto più corte.

La caratteristica principale di questo dinosauro e del suo gruppo è la grande somiglianza dei suoi becchi con quelli delle attuali anatre. Gli adroni sono noti anche come dinosauri con becchi d’anatra.

Se quello che hai letto è stato interessante per te, resta con noi perché ci sono molte più informazioni su Parasaurolophus . Scopri con noi tutto su questo dinosauro erbivoro del Cretaceo!

Cosa significa il nome Parasaurolophus?

Il suo nome significa letteralmente ” quasi una lucertola crestata“, questo nome deriva dalle parole “παρα” (per) che è inteso come ” vicino o insieme“, “σαυρος” (Saurus) che significa “lucertola”” e infine “λοφος” (Lophos) che sarebbe “cresta”. Questo nome è stato dato per la sua grande somiglianza con Saurolophus.

Chi e come l’avete scoperto?

La prima scoperta del Parasaurolophus risale al 1920 su una spedizione dell’Università di Toronto. Questi resti fossili sono stati trovati nella zona chiamata Sand Creek , un luogo molto vicino al fiume Red Deer River in Alberta-Canada. Questa scoperta è stata fatta da William Park .

.

Lo scheletro trovato non era completo e solo alcune parti erano in buone condizioni. il campione consisteva principalmente del cranio, parte della coda e mancavano le ossa sotto le ginocchia. Tuttavia, questi resti sono stati sufficienti per far progredire gli studi e le ricerche che hanno aiutato a conoscere meglio questo ornitopodo.

https://dinosauri.org/wp-content/uploads/2019/01/esqueleto-parasaurolophus.jpg

Va detto che questa non è stata l’unica scoperta, ci sono stati anche altri due risultati di uguale rilevanza, tenendo presente che nel primo non era lo scheletro completo . Così queste ultime scoperte ha permesso di estendere le informazioni su questo dinosauro.

Una di queste scoperte successive fu nel 1921, dal ricercatore Charles H. Sternberg , che trovò quello che sarebbe diventato un cranio non così completo, nella formazione Kirtland nel New Mexico.

Questo cranio aiuterebbe a determinare l’esistenza di un’altra specie di Parasaurolophus (la prima specie fu chiamata Parasaurolophus walkri), una specie che il paleontologo Carl Wieman chiamerebbe P. tubicen nel 1931. Questo nome si riferisce alla parola latina “tǔbǐcěn” che significa “trombettista”.

Per quanto riguarda il terzo importante ritrovamento, è stato fatto dal ricercatore John Ostrom nel 1961, alla base della formazione Fruitland situata tra il Texas e il New Mexico.

Questo esemplare era un po’ più completo del precedente poiché aveva un cranio con una cresta più corta e arrotondata che lo differenziava dagli altri due esemplari, e aveva anche una buona parte delle ossa del busto, mentre non c’erano resti di estremità, coda e collo.

Successivamente, sono stati trovati altri crani di questo tipo, e una terza specie P. cyrtocristatus è stato nominato.

In sintesi, vediamo che nel corso della storia sono stati trovati diversi teschi e resti scheletrici di Parasaurolophus , che gradualmente sono diventati più noti per le loro caratteristiche e comportamento, a seguito di queste scoperte sono state finalmente determinate tre specie chiamate P. walkeri (1922), P. tubicen (1931) e P. cyrtocristatus (1961), che si distinguono principalmente per la forma del cranio, la cresta e le dimensioni.

Dove e quando hai vissuto?

Il Parasaurolophus visse circa 83 milioni di anni fa in quello che oggi è il Nord America alla fine del Cretaceo, insieme ad altri dinosauri conosciuti come Albertosaurus , Kritosaurus, Lambeosaurus (altro hadrosaurus), Euoplocephalus, Nanotiranus e Pachyrhinosaurus.

Caratteristiche generali

Descrizione di Parasaurolophus

Il Parasaurolophus misurato in media 10 metri di lunghezza, era alto circa 2,80 metri, pesava circa 5 tonnellate e aveva la pelle ruvida. Anche se va tenuto presente che questi dati possono variare a seconda della specie interessata.

Per inquadrare un po’; le misure sopra descritte si riferiscono alla specie P. walkeri, mentre stiamo parlando della specie P. tubicen i dati forniti secondo i reperti fossili indicano che si trattava di unundinosaur più grande di quello sopra descritto.

Per quanto riguarda la sua “bocca”, ha la forma di un becco d’anatra. Ha camminato utilizzando le due gambe o le quattro gambe, è considerato in questo modo a causa delle sue gambe posteriori lunghe e potenti e le gambe anteriori un po’ più corte in confronto . D’altra parte la sua coda aveva una forma allungata e un po’ appiattita che alcuni scienziati hanno ipotizzato potesse essere utilizzata per nuotare.

Per quanto riguarda la sua dieta, il contenuto fossile trovato nel suo stomaco indica che era erbivoro e alimentato con parti di piante come foglie di conifere, semi e aghi.

Questo alimento era facilmente triturabile grazie ad una quantità di piccoli denti orientati in colonne, che cambiavano una volta deteriorati. Per la sua natura erbivora si presume che il suo habitat fosse per lo più ricco di vegetazione.

Il crinale

Indubbiamente la caratteristica più impressionante di questo adrosauro è stata la sua cresta ossea posteriore eccessivamente lunga . Questo crinale era vuoto all’interno , molto simile a quello di Lambeosaurus.

Cresta de un Parasaurolophus

Questa cresta ossea ha raggiunto una lunghezza fino a 1 metro ed è stata leggermente incurvata verso il basso, è nata dal naso e ha attraversato tutta la sua testa fino a quando si è estesa verso l’esterno in una forma curva verso il basso. L’uso di questo crinale non è del tutto chiaro, ma sono state avanzate diverse teorie.

Una delle prime ipotesi è stata quella di Alfred Sherwood Romer, in cui suggerisce che la cresta è stata usata come ” un tubo respiratorio ” e che serviva anche come deposito d’aria, quando era immerso in acqua. Questa teoria si basa sul fatto che questo dinosauro aveva caratteristiche anfibie, cioè manteneva la vita sulla terraferma e in acqua.

Più tardi Othenio Abelpropose che questa cresta gli serviva come arma , quando un esemplare di Parasaurolophus si trovava di fronte ad un’altra sua specie o ad un predatore.

Descrizione di Parasaurolophus

Il Parasaurolophus misurato in media 10 metri di lunghezza, era alto circa 2,80 metri, pesava circa 5 tonnellate e aveva la pelle ruvida. Anche se va tenuto presente che questi dati possono variare a seconda della specie interessata.

Per inquadrare un po’; le misure sopra descritte si riferiscono alla specie P. walkeri, mentre stiamo parlando della specie P. tubicen i dati forniti secondo i reperti fossili indicano che si trattava di unundinosaur più grande di quello sopra descritto.

Per quanto riguarda la sua “bocca”, ha la forma di un becco d’anatra. Ha camminato utilizzando le due gambe o le quattro gambe, è considerato in questo modo a causa delle sue gambe posteriori lunghe e potenti e le gambe anteriori un po’ più corte in confronto .

Per quanto riguarda la sua dieta, il contenuto fossile trovato nel suo stomaco indica che era erbivoro e alimentato con parti di piante come foglie di conifere, semi e aghi.

Questo alimento era facilmente triturabile grazie ad una quantità di piccoli denti orientati in colonne, che cambiavano una volta deteriorati. Per la sua natura erbivora si presume che il suo habitat fosse per lo più ricco di vegetazione.

Il crinale

Indubbiamente la caratteristica più impressionante di questo adrosauro è stata la sua cresta ossea posteriore eccessivamente lunga . Questo crinale era vuoto all’interno , molto simile a quello di Lambeosaurus.

Cresta de un Parasaurolophus

Questa cresta ossea ha raggiunto una lunghezza fino a 1 metro ed è stata leggermente incurvata verso il basso, è nata dal naso e ha attraversato tutta la sua testa fino a quando si è estesa verso l’esterno in una forma curva verso il basso. L’uso di questo crinale non è del tutto chiaro, ma sono state avanzate diverse teorie.

Una delle prime ipotesi è stata quella di Alfred Sherwood Romer, in cui suggerisce che la cresta è stata usata come ” un tubo respiratorio ” e che serviva anche come deposito d’aria, quando era immerso in acqua. Questa teoria si basa sul fatto che questo dinosauro aveva caratteristiche anfibie, cioè manteneva la vita sulla terraferma e in acqua.

Più tardi Othenio Abelpropose che questa cresta gli serviva come arma , quando un esemplare di Parasaurolophus si trovava di fronte ad un’altra sua specie o ad un predatore.

Descrizione di Parasaurolophus

Il Parasaurolophus misurato in media 10 metri di lunghezza, era alto circa 2,80 metri, pesava circa 5 tonnellate e aveva la pelle ruvida. Anche se va tenuto presente che questi dati possono variare a seconda della specie interessata.

Per inquadrare un po’; le misure sopra descritte si riferiscono alla specie P. walkeri, mentre stiamo parlando della specie P. tubicen i dati forniti secondo i reperti fossili indicano che si trattava di unundinosaur più grande di quello sopra descritto.

Per quanto riguarda la sua “bocca”, ha la forma di un becco d’anatra. Ha camminato utilizzando le due gambe o le quattro gambe, è considerato in questo modo a causa delle sue gambe posteriori lunghe e potenti e le gambe anteriori un po’ più corte in confronto .