Skip to content
Dinosauri .ORG

Styracosaurus

Nome: StyracosaurusDiet: HerbivorousWeight: 4 tonsPeriod: Upper CretaceousFound in: Canada

Questo dinosauro ha abitato il nostro mondo più di 75 milioni di anni fa, questo significa che ha vissuto durante il Cretaceo, il suo nome ufficiale significa “rettile con punte”, e appartiene agli esemplari che sono conosciuti nel mondo della scienza come il famoso ornitisquios ceratópsidos.

Il Styracosaurus abitava il Nord America. Come dati generali possiamo indicare che presentava un totale di sei corna che si trovavano nella gola della parte posteriore del cranio, oltre ad esso si poteva trovare anche un corno nella zona della struttura nasale, che poteva arrivare a misurare fino a più di mezzo metro di lunghezza e 15 centimetri di spessore.

Tassonomia dello Styracosaurus

KingdomDivisionClassOrderSuborderInfraorderFamily Animalia Chordata Archosauria Ornithischia Neornithischia Ceratopsia Ceratopsidae

  • Il Regno di questo animale è Animalia
  • Bordo o divisione: Chordata
  • All’interno della classe Archosauria
  • Appartiene al Superordine Dinosauro
  • All’interno dell’ordine Ornithischia
  • Appartiene al Subordine Neornithischia
  • All’interno dell’infraordine Ceratopsia
  • Appartiene alla famiglia Ceratopsidae
  • Il genere di questo animale è Styracosaurus

Caratteristiche dello Styracosaurus

Questo esemplare aveva grandi dimensioni, infatti la sua lunghezza era di oltre 6 metri e il suo peso poteva superare anche le 3 tonnellate, oltre ad avere la capacità di raggiungere i 2 metri di altezza .

Descrizione di Styracorsaurus

D’altra parte, se diamo un’occhiata più da vicino alla struttura di questo esemplare, noteremo la presenza di quattro arti abbastanza forti e molto potenti , così come una coda che in realtà non era così allungata come lo era il suo corpo.

Per quanto riguarda la struttura del cranio si può osservare la presenza di uno strano becco che probabilmente serviva a tirare le verdure, oltre ad una struttura dentale composta da molari che venivano utilizzati per realizzare vari tagli.

Questo dettaglio ci dice che probabilmente questo dinosauro ha usato questi denti per fare tagli alle verdure che stava per digerire, e molto probabilmente queste verdure sono finite sotto forma di rodas poco prima del processo di digestione.

Comportamento di Styracosaurus

Il comportamento di questo esemplare era probabilmente molto simile a quello di altri dinosauri posti all’interno dei ceratopsianos , quindi si può dire che è possibile che abbiano vissuto in gruppi di numerosi individui, si suggerisce addirittura che abbiano viaggiato su ampie aree di terra, il tutto in compagnia di altri animali della stessa famiglia.

Il dettaglio di cui sopra è noto perché le vestigia trovate sono state studiate in modo coscienzioso e le conclusioni sono state tratte in seguito a questi studi.

Storia dello Styracosaurus

Il responsabile del nome era Lawrence Lambe, che nel 1913 chiamò questo esemplare con il nome ufficiale di Styracosaurus , oltre a prendere la licenza per inserirlo all’interno del famoso Centrosaurinae .

Ricostruzione di uno Styracosaurus

Inoltre, allo stesso genere sono state aggiunte due nuove specie, tra le quali possiamo citare le denominazioni ufficiali di Styracosaurus albertensis , e le altre specie chiamate Styracosaurus ovatus , tuttavia, va notato che esistono anche altre specie diverse che sono state aggiunte allo stesso genere.

Sono state studiate una serie di vestigia appartenenti ad esemplari che avevano già raggiunto la piena maturità, per cui si stima che questo dinosauro avrebbe potuto misurare circa 6 metri di lunghezza, mentre il suo volume totale non superava i 2700 chilogrammi.

Per quanto riguarda il suo cranio possiamo vedere chiaramente che si trattava di un elemento di notevoli dimensioni, che aveva anche un corno, che si trovava all’estremità del muso.

Lo sapevate che….L’area del muso dell’animale era anche un’area importante dell’individuo, a causa delle sue grandi dimensioni. Nella zona della gola c’erano spine allungate, che si trovano in quella che tecnicamente si chiama escrescenza parieto-escamosa, cioè la gola era un’estensione delle ossa craniche parietali e squamose .

Queste spine erano lunghe circa mezzo metro, mentre il corno nel naso era lungo circa 60 centimetri.

La differenza nella forma e nello stile di queste spine e del corno situati nel naso era abbastanza pronunciata se la confrontiamo con altri esemplari posti all’interno del Centrosaurus , gli esemplari di Styracosaurus Styracosaurus presentavano delle protuberanze che godevano della forma di un amo, e persino alcuni scienziati chiamavano queste protuberanze “noduli”.

Già prestando un po’ più attenzione al corpo che alla testa dell’animale, possiamo osservare che era abbastanza simile al corpo dei rinoceronti, con spalle abbastanza robuste da poter combattere una sanguinosa battaglia corpo a corpo, anche una battaglia tra animali dello stesso genere.

Le dita dei piedi situate all’estremità di ogni estremità posteriore hanno goduto di una struttura che è abbastanza simile agli zoccoli di losungulados (gli zoccoli dei cavalli), questi zoccoli erano anche composti da un materiale noto come cheratina, ma a differenza dei cavalli i ceratopsianos avevano ancora le dita dei piedi, quindi il modo di camminare assomiglierebbe più a quello di Hipparion.

. Sapevate che…..Sulla posizione in cui si trovava e si muoveva questo singolare esemplare, ci sono molti studi e argomenti che non sono stati in grado di dimostrare completamente, tanto che mentre alcuni scienziati sostengono che il dinosauro era tenuto principalmente dagli arti situati nella parte anteriore dell’animale, altri ricercatori cercano di confutare tali affermazioni fornendo una serie di argomenti validi come quelli precedenti.

Non è stato ancora possibile determinare se questi animali fossero più veloci o più lenti degli elefanti, perché non si sa se fossero in grado di allungare gli arti per ottenere una maggiore leggerezza e velocità, una sfida che comporta un grande sforzo per i paleontologi di oggi, anche se si spera che si troveranno più vestigia per poter effettuare uno studio molto più esaustivo dell’esemplare.

Speriamo che abbiate trovato interessanti le informazioni che vi abbiamo portato. Se pensate che manchi qualcosa, non esitate a dircelo e lo prenderemo molto seriamente. Per finire, vi lasciamo con un divertente video di Styracosaurus dove parliamo di alcuni fatti interessanti al riguardo:

Se con il video precedente, siete stati lasciati a desiderare di saperne di più sul Styracosaurus , non preoccupatevi, abbiamo preparato questo secondo video dal nostro canale su Youtube Dinosaurioss.com in modo da poter ampliare le conoscenze che avete avuto fino ad oggi e si può imparare un po’ di più.